CHI SIAMO

 

COORDINAMENTO INTERPARROCCHIALE

OPERE CARITATIVE

"Mons. LORENZO VIVALDO" 

Via Serri 33 - Follonica

Tel. e Fax. 0566 45482

e-mail.  cda.follonica@alice.it

IT95X0306972249100000002692

Perché un Coordinamento Interparrocchiale Opere Caritative a Follonica?
Il repentino cambiamento del tessuto sociale della nostra città, il sorgere di nuove povertà, il persistere di antiche forme di emarginazione sociale e culturale, richiedono l’impegno di un servizio caritativo in cui la testimonianza della carità si realizzi come esperienza di comunione e trovi le forme più proprie per essere efficace e aprirsi a tutte le necessità del nostro territorio.

L’idea di avere a Follonica un Centro di prima accoglienza interparrocchiale risale almeno al 1996 , durante la visita pastorale del Vescovo di allora, Mons Gualtiero Bassetti . In tale occasione le comunità parrocchiali di Follonica si posero come obiettivo/opera segno la realizzazione di una Mensa per i poveri e di un centro di primo ascolto/accoglienza delle povertà del territorio.

 La Mensa dei bisognosi iniziò l’attività il primo dicembre dell’anno successivo (1997), ma il Centro di primo ascolto interparrocchiale tardò a nascere per una serie di motivi, primo fra tutti la difficoltà nel trovare una struttura adeguata a far coagulare gli sforzi delle varie associazioni e Caritas parrocchiali. Finalmente nel 2005 si rese disponibile per questo scopo un fondo di grandi dimensioni posto in Via Serri 33 che aveva tutte le caratteristiche per far decollare il progetto.

Contemporaneamente si era sviluppato tra le varie realtà caritative un grande desiderio di operare in comunione d’intenti, per fare meglio e insieme ciò che prima si cercava di fare  da soli.

Il Coordinamento Interparrocchiale Opere Caritative è diventato realtà ed è operativo dal mese di luglio del 2005. E’ il frutto del lavoro di tante persone ed è stato reso possibile, nella sua configurazione finale, dal contributo delle Parrocchie, della Diocesi, della S. Vincenzo de Paoli, UNITALSI e Mensa Interparrocchiale.  Pi A partire dal 6 marzo 2010, il Coordinamento Interparrocchiale si è costituito in Associazione non riconosciuta preparando uno statuto proprio e un riconoscimento giuridico e fiscale. E’ necessario far crescere quest’opera caritativa attraverso progetti sempre più innovativi perché non ci possiamo permettere di pensare solamente “per noi”, cioè una fede disgiunta dalla carità, bensì riscoprire, attraverso la “pedagogia” dei gesti concreti, l’amore preferenziale per i poveri, gli emarginati, gli esclusi del nostro territorio e l’amore per il mondo intero, tutto ciò  nella  prospettiva che <<non basta fare del bene ma bisogna farlo bene! >>.

 

Da chi è costituito?

 

PARROCCHIA SAN LEOPLODO - FOLLONICA

PARROCCHIA Ss. PIETRO e PAOLO - FOLLONICA

PARROCCHIA SAN PAOLO della CROCE - FOLLONICA

PARROCCHIA MADONNA di LOURDES - FOLLONICA

CARITAS Parrocchiale SAN LEOPOLDO - FOLLONICA

CARITAS Parrocchiale SAN PAOLO della CROCE - FOLLONICA

SOCIETA' di SAN VINCENZO de PAOLI - Conferenza "SAN LEOPOLDO" - FOLLONICA

UNITALSI - FOLLONICA

 

Quali fini si prefigge?

Accoglienza

Ø  Promuovere Opere e Servizi alla persona per combattere la povertà in tutte le sue forme, a partire dai bisogni primari della persona, avendo come obiettivo il superamento delle cause di povertà;

Ø  Collaborare con gli Enti istituzionali, i Servizi Sociali e le Associazioni pubbliche e private del territorio per raggiungere gli obiettivi prefissati, anche attraverso la stipula di accordi e convenzioni.

Ø  Promozione delle iniziative utili al recupero e reinserimento sociale di adulti in condizioni svantaggiate e minori in difficoltà, in contesti familiari o comunitari.

Ø  Favorire la nascita di esperienze parrocchiali comunitarie in sintonia e di supporto alle attività del Coordinamento e alle sue linee programmatiche.

Ø  Accoglienza e accompagnamento mediante progetti mirati rivolti a soggetti in difficoltà.

 

Promozione della persona e della famiglia

              Ø  Tutelare i diritti umani con particolare attenzione ai diritti civili e religiosi

Ø  Promuovere il concetto di “pari opportunità”, affinché tutti possano aspirare a una giusta collocazione sociale, adeguata ai bisogni, alle caratteristiche e attitudini personali.

Ø  Sostenere la centralità della famiglia quale luogo privilegiato dello sviluppo umano, in rapporto all’educazione dei figli, alla solidarietà e alle scelte da condividere.

Ø  Sensibilizzare i singoli e le famiglie per creare momenti comunitari di scambio di esperienze, utili alla comprensione dei fenomeni e delle situazioni che coinvolgono la responsabilità di ognuno, al fine di promuovere “nuovi stili di vita” attenti all’inclusione sociale, alla tutela dell’ambiente, al consumo critico, alla finanza etica e a tutte quelle condizioni che migliorano la giustizia sociale.

Ø  Promuovere una “economia solidale” mediante la realizzazione di progetti specifici, mettendo a disposizione il proprio tempo libero al servizio dei più deboli, gratuitamente, secondo le proprie attitudini e competenze.

Ø  Riservare attenzione alle persone sole, agli anziani e agli ammalati, attraverso visite domiciliari, momenti di amicizia e di conforto spirituale e materiale.

Formazione e educazione alla solidarietà

Ø  Programmare corsi interni di formazione dei volontari, a vari livelli, per migliorare le conoscenze e le competenze, per sviluppare la consapevole partecipazione alle attività sociali.

Ø  Organizzare interventi pubblici e incontri con gli scolari e gli studenti, in accordo con i responsabili delle istituzioni locali, al fine di promuovere una più ampia e condivisa cultura della solidarietà.

Ø  Collaborare con Organizzazioni non governative, Enti morali e Strutture ecclesiali per la formazione e l’inserimento  dei  giovani interessati a svolgere il servizio civile, o a prestare la loro opera nell’anno di volontariato sociale, nazionale ed internazionale.

Ø  Prevedere un’attività editoriale specifica, a supporto degli obiettivi formativi e divulgativi .

Quali servizi sono già attivi?

Ø  Centro di Ascolto dei bisogni e delle povertà

Ø  Servizio notturno di assistenza di persone di passaggio e senza fissa dimora

Ø  Servizi per Emergenza abitativa

Ø  Servizio mensa per i bisognosi

Ø  Sostegno a famiglie in difficoltà

Ø  Distribuzione generi alimentari, vestiario e medicinali

Ø  Visite domiciliari e in carcere

Ø  Progetti di solidarietà e cooperazione multiculturale

Ø  Servizio Assistenza Anziani, malati e pellegrinaggi

Ø  Corsi di formazione per operatori della carità

Ø  Corsi di formazione nelle scuole e sostegno allo studio

 

Progetti sviluppati nel 2019                                            

  • Adozione di bisogni di famiglie in difficoltà;

  • Potenziata  attività Mensa Interparrocchiale attraverso  il contributo di Diocesi, Comune, UNICOOP e Venator di Scarlino.
  • E’ iniziata, dal 29 giugno 2019 la preparazione e distribuzione pasti presso la nuova mensa in via Lucca - Angolo Via Palermo presso la Parrocchia Ss.Pietro e Paolo di Senzuno attraverso il progetto 8xmille “Una Mensa per i Bisognosi a Follonica.
  • Inserimenti sociali presso la Mensa Interparrocchiale della Solidarietà via Lucca - Angolo Via Palermo presso la Parrocchia Ss.Pietro e Paolo di Senzuno e la Distribuzione vestiario di Via Amendola.
  • Distribuzione integrata di  vestiario per adulti e infanzia (Ex Chiesa S. Paolo della Croce).
  • E’ proseguito il Progetto “Buon Fine ” per i generi alimentari con UNICOOP Tirreno e S. Vincenzo de Paoli inserendo in maniera organica anche il negozio COOP di Via Bovio.
  • Colletta alimentare nazionale con S. Vincenzo de Paoli e Banco Alimentare.
  • Collette alimentari locali con UNICOOP Tirreno –Sezione Soci Follonica -Castiglione della Pescaia.
  • Colletta alimentare all’interno delle Scuole di Follonica, presso le Parrocchie, Aziende del territorio e privati cittadini.
  • Accoglienza notturna e Povertà estreme in collaborazione con Comune di Follonica, Coeso e Coop. Arcobaleno
  • Progetto emergenza abitativa e antisfratto con il Comune di Follonica.
  • Servizio Assistenza Anziani, malati e pellegrinaggi.
  • Progetto “Farmaci solidali” con le farmacie di Follonica, CIF , Forum del Volontariato, Avis Follonica e  Inner Wheel club e collaborazione con un medico volontario.
  • “Il pane quotidiano” con alcuni forni di Follonica e altri negozi.
  • Momenti di festa e socializzazione.
  • Servizio di sostegno economico,  morale e spirituale ai detenuti e alle loro famiglie.
  • Momenti conviviali e di formazione insieme alla direzione del carcere,agli agenti di polizia penitenziaria e agli educatori.
  • Sensibilizzazione delle comunità parrocchiali di Follonica sulla povertà del carcere.
  • Sostegno a cittadini italiani e stranieri in indigenza estrema in collaborazione con Amministrazione comunale e Società della Salute.
  • Accompagnamento cittadini rifugiati politici e/o richiedenti asilo. 
  • Collaborazione con Comune di Follonica e Coop Arcobaleno per progetto: “Verso l’autonomia”.
  • Collaborazione con Forum Volontariato per la realizzazione del Corso di approfondimento sul tema: La Comunicazione - Vantaggi e Rischi  
  • Collaborazione con Forum Volontariato per la realizzazione della Primavera di Volontariato 2019
  • Proseguimento dei Progetti “Solidari-età: solidali a qualsiasi età” e “ Diversi ma non avversi” in collaborazione della Caritas diocesana e con le scuole del Comprensivo 1 di Follonica.
  • Progetto di recupero e sostegno scolastico  in collaborazione con Comprensivo 1 e 2 Follonica e con tutor delle scuole superiori di Follonica.
  • Collaborazione con Caritas Diocesana a Progetto formativo dei Centri di Ascolto Parrocchiali.
  • Collaborazione con Caritas di Massa Marittima per la promozione del  Centro di Ascolto presso la Fondazione S. Anna.
  • Sostegno a Progetto Policoro promosso da Diocesi Massa M.ma Piombino.
  • Sviluppo progetto 8xmille per Emporio Solidale.

Che cosa vorremmo fare nel 2020?

  • Sensibilizzare e coinvolgere ulteriormente le comunità parrocchiali per la promozione  delle attività del Coordinamento Interparrocchiale sia attraverso pieghevoli informativi sia attraverso sistemi informativi vicariali e/o diocesani.  
  • Potenziare il Centro di Ascolto per accompagnare famiglie in difficoltà del nostro territorio  con una particolare attenzione alla dispersione scolastica.
  • Potenziare ulteriormente il progetto “Adotta un bisogno” di famiglie in difficoltà con interventi interparrocchiali comuni ed estesi anche alla comunità cittadina.
  • Proseguire il progetto di Servizio Civile regionale per  giovani del nostro territorio.
  • Sviluppare ulteriormente il centro di distribuzione vestiario infanzia e adulti (Ex Chiesa S. Paolo della Croce-Via Amendola).
  • Potenziare la Mensa dei bisognosi e la Distribuzione di alimenti attraverso il completamento dell’”Emporio della solidarietà”,un progetto finanziato dalla Caritas Italiana con i progetti 8Xmille CEI e il progetto “Una Mensa per i Bisognosi” nella Chiesa Ss.Pietro e Paolo di Senzuno
  • Proseguire con gli inserimenti sociali presso la mensa e in generale in tutto il Coordinamento interparrocchiale.
  • Proseguire e se possibile potenziare l’Orto Solidale di Valpiana.
  • Proseguire  il Progetto “Buon Fine ” per i generi alimentari con UNICOOP Tirreno e S. Vincenzo de Paoli.
  • Proseguire la Colletta alimentare nazionale con S. Vincenzo de Paoli e Banco Alimentare
  • Proseguire con le  Collette alimentari locali  insieme a sezione soci UNICOOP di Follonica e Castiglione della Pescaia e/o altri supermercati.
  • Proseguire con la sensibilizzazione al dono  all’interno delle Scuole di Follonica, presso le Parrocchie , le aziende del territorio e privati cittadini.
  • Attivare collaborazioni operative con centri di solidarietà delle Colline metallifere e dintorni (Gavorrano, Scarlino, Massa M.ma, S. Vincenzo, Donoratico, Riotorto.…).
  • Potenziare il progetto “Farmaci solidali” con le farmacie di Follonica e dintorni;
  • Potenziare il Progetto “Il pane quotidiano” con i forni di Follonica e altri negozi , bar ,etc.;
  • Proseguire e potenziare il Progetto di Aiuto alimentare con visite domiciliari a famiglie bisognose.
  • Sostenere cittadini italiani e stranieri in indigenza estrema in collaborazione con Amministrazione comunale , Società della Salute e società civile.
  • Proseguire l’accompagnamento “verso l’autonomia” di cittadini italiani, rifugiati politici e/o richiedenti asilo presenti sul territorio.
  • Collaborare con il  Forum per il  Volontariato alle attività di questa Associazione nella realizzazione di Corsi di formazione e alla realizzazione della Primavera di Volontariato follonichese.
  • Sviluppare corsi di formazione su ascolto, accoglienza e progettualità per gli operatori della carità.
  • Sostenere e sviluppare Progetti Policoro promossi dalla Diocesi di Massa M.ma – Piombino.
  • Rinnovare lo Statuto del Coordinamento Interparrocchiale sulla base di quanto indicato dalla legge sul Volontariato e rinnovare le cariche sociali
  • Sviluppare sempre di più le varie attività del Coordinamento in termini di Sicurezza ambientale e dei volontari stessi.